Cinque passi educativi per gestire le emozioni

Un passo indietro. Renditi consapevole delle tue emozioni quando piange, urla o ti risponde a tono. Che cosa provi? Respira a profondamente e rimani connessa con te stessa.  Puoi darti la possibilità di ascoltarlo?

 

Un’altro passo indietro. Che cosa prova lui o lei? Qual’è il suo punto di vista? Ha certamente delle sue ragioni, non valutare se siano giuste o sbagliate. Rimani nella sua prospettiva.

Un passo avanti. Favorisci la regolazione del suo stato emotivo. Parlagli a tono basso e lentamente. Puoi provare con un tocco, guardandolo o semplicemente restando fisicamente lì vicino a lui.

 

 

Un’altro passo avanti. Verbalizza con empatia i suoi sentimenti. Aiutalo a comprendere lo stimolo che ha innescato la sua forte emozione.

Sei arrivata. Appena lo senti più calmo può essere il momento giusto per mostrargli i tuoi sentimenti in quella situazione e proporgli alternative al suo comportamento che può attuare in situazioni future.

Giuditta Mastrototaro

Precedente Che cosa impedisce a tuo figlio di ascoltarti e sentirsi ascoltato Successivo Gli oggetti per dormire servono davvero?

2 commenti su “Cinque passi educativi per gestire le emozioni

    • Giuditta Mastrototaro il said:

      Cara Daniela,
      perdona leggo solo ora il tuo commento. Spiegati meglio quali sono le tue difficoltà? Quanti anni ha il tuo bambino o bambina? Se vuoi possiamo sentirci anche via mail in privato. Scrivi a [email protected]
      A presto.
      Giuditta

I commenti sono chiusi.