Modi efficaci per relazionarsi con i figli

 Un passo indietro: non giudicare. Giudichiamo tutte le volte che ci concentriamo su cosa non va nei nostri figli invece di essere collegati ai loro sentimenti. Giudichiamo tutte le volte che etichettiamo i loro comportamenti come giusti o sbagliati.

Un altro passo in dietro: impara a gestire le tue emozioni. Essere consapevoli delle proprie emozioni e saperle regolare è un grande esempio per i nostri bambine e adolescenti. Se non riusciamo a gestire la nostra ansia come potremmo essere d’aiuto nella loro ansia?

Un passo avanti. Guarda al problema da entrambi i lati: quali sono le buone ragioni per cui mio figlio fa un certa cosa? Come percepisce il mondo che lo circonda? Possiamo almeno essere d’accordo di non essere d’accordo?

Sei arrivata. Diventa parte della soluzione e non del problema.  Non negare i suoi problemi:: “Dai che non è niente di grave” cerca di non reagire: “Sei proprio un ingrato con tutto quello che faccio per te!”. Prova invece a stare dalla parte delle soluzioni condividendo le diverse prospettive del problema e trovando insieme a lui/lei delle soluzioni che possano essere accettabili da entrambe le parti.

Quando ci rendiamo conto che si ripropongono sempre le stesse dinamiche è tempo fermarsi e cercare nuove strategie. Se fai sempre le stesse cose, avrai sempre gli stessi risultati. E’ tempo fare qualcosa di diverso, per qualunque dubbio contatta la tua Pedagogista di fiducia.

Giuditta Mastrototaro

 

Precedente Pedagogia in pillole: due errori da evitare quando parli con tuo figlio Successivo Pedagogia in pillole: Non lo sai che la birra fa venire il latte e il caffè e tè lo agita?