Pedagogia in pillole: Tatuaggi e allattamento

Se allatti il tuo bambino non puoi mica farti un tatuaggio! Ma che mamma sei?

FALSO. Spesso alle mamme che allattano vengono imposti molti divieti senza verificare che siano necessari. Questo può influire nella relazione di allattamento perchè la madre non si sente libera di potersi esprimere come desidererebbe. Occuparsi di un bambino piccolo è già impegnativo, sfatiamo i miti e le false credenze che lo facciano diventare  un sacrificio. Altrimenti corriamo il rischio di perdere la bellezza della relazione di allattamento con il proprio bambino.

Uno di questi luoghi comuni riguarda i tatuaggi. In realtà i tatuaggi vengono creati iniettando nella pelle un inchiostro che viene intrappolato all’interno, quindi non se ne va in giro per il corpo.

Certo è utile accertarsi che il centro dove fai il tatuaggio rispetti le norme igieniche e puoi informarti sulla qualità di inchiostro che usa il tatuatore.

Farsi un tatuaggio vuol dire quindi che desideriamo che esso rimanga visibile all’interno della cute. Se invece hai paura che qualche frammento possa passasse nel sangue, il buon senso ci dice che generalmente le molecole di inchiostro sono troppo grandi per passare realmente nel latte.

Per maggiori informazioni o sostegno riguardo la relazione di allattamento puoi contattarmi.

Giuditta Mastrototaro

Bibliografia:

Mohrbacher, N. and Stock, J. The Breastfeeding Answer Book. Schaumburg, IL: LLLI, 2003.

https://www.lllusa.org/faqs/

https://kellymom.com/category/bf/

Precedente Cosa ci insegna Maria Montessori sull’educazione e lo sviluppo delle competenze nei bambini. Successivo Un grazie da una mamma